Libro degli ospiti

Poesia

Felice Serino | 28.09.2013

Divagazione sulla morte

è il morire ciò
che affratella -
ma davanti al mistero chi non resta
confuso: nessuno a farci
un fischio dall'aldilà e
il dubbio è che sia come
un impalpabile sogno o risibile
sorte

esoterismo karma re-
incarnazione: per nessuno
c'è il nulla e la morte
definitiva

R: Poesia

Patrizia Andrich | 28.09.2013

Poesia molto riflessiva sulla morte. Un tema che comunque lascia sempre qualche dubbio del dopo. E' bella la chiusa della poesia: il nulla e la morte definitiva. Complimenti Felice!

NEL PERDURARE LA LUCE

Felice Serino | 21.09.2013

NEL PERDURARE LA LUCE

le ore arroventate: erano
estati lunghe a morire

le corse pazze le ginocchia
sbucciate nel perdurare la luce:

ancora un mordere
la sanguigna polpa del giorno - ricordi? –

R: NEL PERDURARE LA LUCE

Patrizia Andrich | 21.09.2013

Nel perdurare la luce... è bello quando è estate e la luce del giorno dura a lungo! Ora che è autunno le giornate si accorciano e del perdurare la luce rimane solo il ricordo. Grazie Felice!

IN SOGNO RITORNANO

Felice Serino | 14.09.2013

IN SOGNO RITORNANO
[ispirata nella notte del 25.3.07]

in sogno sovente ritornano
amari i momenti del vissuto
che non vorresti mai fossero stati
si affaccia nel tuo sogno sudato
quel senso di perdizione
incarnato nel figlio
prodigo che fosti
emerge dai fondali
dell’inconscio dove naviga il sangue
e tu non puoi disfartene

R: IN SOGNO RITORNANO

Patrizia Andrich | 14.09.2013

La notte in sogno porta ogni cosa bella o brutta, ma ti tiene pure sveglia ed assieme ai sogni arrivano pure anche i pensieri. Grazie per questa poesia Felice!

SIESTA

Felice Serino | 31.08.2013

SIESTA
[entrando in un sogno lucido con la visione dilatata
di gatta che si stiracchia]

le fauci spalanca la natura animale in enorme sbadiglio
della tigre di blake a ricordare la geometria felina
dinanzi agli avanzi della sua preda sanguinolenta
nella solitudine lucente tinta dalla cenere rossa del tramonto
pancia all’aria nella conca del sole occhi socchiusi impastati
dell’ultima luce in un tempo sospeso un silenzio
che disegna l’atavica forma aperta del grido

R: SIESTA

Patrizia Andrich | 31.08.2013

Parole che descrivono bene in versi ogni atto compiuto dalla gatta! Una poesia che lascia spazio all'immaginazione. Grazie Felice!

OLTRE IL VELO

Felice Serino | 23.08.2013

OLTRE IL VELO

nulla si disperde

la banca del cielo
a custodire i fondi -
bagaglio di vita
dolore-amore


nulla va
perduto - chiusa
l'ultima tua pagina
di vita

bagnato di Dio
sarai
al suo appello

presente

R: OLTRE IL VELO

Patrizia Andrich | 24.08.2013

Davvero belli questi tuoi versi ed anche pieni di Fede! Grazie Felice! Ogni tanto c'è bisogno di leggere queste poesie!

<< 488 | 489 | 490 | 491 | 492 >>

Nuovo commento